La nascita della prima gassosa Paoletti

Foto di repertorio: la prima gassosa Paoletti

Una storia di famiglia e passione lunga cent'anni è quella che caratterizza Paoletti.
Un cammino di successo che inizia da Folignano con nonno Enrico.
Nonno Enrico era un messo comunale e proprietario di un'osteria e proprio da qui nasce l'idea di produrre le prime gassose Paoletti.
Un'avventura che ha inizio nel 1910 quando, nell'osteria, i tanti clienti miscelavano il vino con la gassosa. Gassosa che, a volte, non veniva rifornita in modo puntuale. Così, Enrico Paoletti, spinto dalla voglia di soddisfare i suoi clienti e già all'epoca dalla passione e dalla voglia di far risaltare i prodotti artigianali, decise di produrre da solo le prime gassose, quelle nella caratteristica bottiglietta con la pallina di vetro che la tappava.
Nel 1922 inizia la produzione industriale con un atto ufficiale del 5 ottobre di quell'anno che autorizzava la produzione a Folignano. Allora tutto si fondava sulla manualità ed i macchinari erano limitati a quelli necessari per la miscelazione e l'imbottigliamento.
Fino ad arrivare ad oggi, quando ad oltre un secolo di distanza, la gassosa Paoletti conserva ancora il suo gusto dissetante e la sua forma elegante nella classica bottiglietta in vetro. Simbolo anch'essa dell'azienda.
Marchio distintivo sono anche le variopinte etichette che inizialmente venivano incollate a mano dalle donne.
Tutti conosciamo “FrizzanTina”. Era lei, allora giovanissima ed irriconoscibile sulle prime etichette delle Bibite Paoletti, oggi adulta testimonial dell'azienda.
A distanza di anni non si smette di apprezzare la capacità comunicativa della “star” dalla vita solare, splendida pin-up, sorridente, ammiccante, amabile grazie alla sua bellezza e al suo sguardo sereno e armonioso, presente non solo sulla gassosa, ma su tutta la linea dei prodotti.

 

« Torna all'elenco

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>